cultural territorial networks

environmental heritage

 

1.1 Parco Naturale del Conero

 

Parco Naturale del Conero L' istituzione dell' Ente parco regionale del Conero è avvenuta in base alla L. R. 3 agosto 2006 n.11. che ne ha modificato l' assetto. Questo è passato da essere Consorzio Volontario ad Ente Parco della cui gestione fanno parte la Regione Marche, la Provincia, i Comuni di Ancona, Camerano, Numana e Sirolo, gli ambientalisti ed il mondo agricolo. Gli uffici dell' Ente Parco sono in via Peschiera 30/A, sede che ospita anche il Centro Visite del Parco (vedi alla voce Centro Visite) gestito dalla Cooperativa Forestalp ed il Comando di Sirolo del Corpo Forestale dello Stato. Gli apparati politici ed amministrativi di riferimento nella gestione dell' Ente sono riportati di seguito. Nel centro della regione Marche, il Parco rappresenta un’oasi di rara bellezza che cela tesori artistici, architettonici, storici e naturalistici di grande valore le cui origine sono da ricercare nel Monte Conero. Per comprendere l’importanza ed il valore storico-culturale di questa si ricorda che nel territorio di Sirolo, abitato fin dalla preistoria, si è sviluppata dal IX secolo a.C. la civiltà picena, seguita dalla dominazione romana e che Ancona e ancor più Numana sono antichi porti naturali inseriti nelle rotte ateniesi, come empori e centri di smistamento delle merci greche. La costa, frastagliata e movimentata, rappresenta il monumento paesaggistico per eccellenza in cui le grotte gli scogli, scaturiti dalle acque del mare, punteggiano la cornice del Parco come sculture emerse. Gioiello indiscusso della riviera del Conero è la baia di Portonovo generata da una frana staccatasi dal monte milioni di anni fa. La vegetazione caratteristica del Parco Naturale è la risorsa più preziosa e qui troviamo pini, cipressi, cedri ed alcuni tipi di latifoglie tra cui domina il leccio, che deriva dall’opera di rimboschimento dell’uomo iniziata nei primi del secolo scorso. Non si deve tuttavia pensare che l’intervento umano penalizzi la naturalità del luogo, che ha invece permesso la formazione delle condizioni ideali per la crescita di arbusti ed alberi spontanei. Parliamo del celebre corbezzolo, del leccio, della roverella, dell’acero e del carpino nero, tutti appartenenti alla tipica macchia mediterranea. La vegetazione da un lato e la protezione offerta dal Parco dall’altro, garantiscono la presenza e la sopravvivenza al suo interno di numerose specie animali come il tasso, la volpe e la puzzola, e, tra gli uccelli, il picchio rosso maggiore e muratore, l’allocco, la poiana, lo sparviero, il falco pellegrino. Andando dall’entroterra verso la costa, seguendo la strada che dalla città di Camerano raggiunge il mare, è possibile apprezzare sin da subito la tipica campagna marchigiana, caratterizzata da dolci colline assolate dove le siepi e le alberate di querce distinguono le strade, i fossati e le proprietà dei vari coltivatori. Ampi sono i vigneti per il vino Rosso Conero e gli oliveti e i boschi cedui, lasciati crescere nei versanti nord delle colline. Ente Parco Regionale del Conero Via Peschiera 30 60020 Sirolo (Ancona) Tel: 071 9331161 Fax: 071 9330376 E-mail: [email protected] Sito Web: www.parcodelconero.com Centro Visite Parco del Conero tel. 071 9331879 [email protected] THE PARK Located at the heart of Marche region, Conero natural park is an oasis of beauty with artistic, architectonic, historic and naturalistic treasures. To fully understand its historical and cultural importance, we remind the county of Sirolo has had human settlements since Prehistory. This area is where the origins of the Picene civilization lie: they date back to the IX century b.C, and were later followed by the Romans. Moreover, the cities of Ancona and Numana are natural ports which were on the Athenian trading routes, and were also used to sort and sell Greek goods. The jagged coastline of the park is a monument to scenery, dotted by caves and rocks, which rise from seawaters, like sculptures from the abysses: the pearl of "Riviera del Conero" is Portonovo bay, originated, million years ago, from a landslide of the mountain. The characteristic vegetation in the Conero Natural Park is one of its most precious resources. Common trees on the slopes of Monte Conero are pine trees, cypresses, cedars and some types of broad-leaf: among them is the holm-oak, the presence of which comes from the reforestation that took place at beginning of the last century. However, one must not think that human intervention has been damaging the nature and authenticity of this place; on the contrary, it was exactly what provided the right conditions for the growth of wild trees and bushes, such as: strawberry trees, holm-oaks, downy oaks, maples and hop-hornbeams, all examples of vegetation of the typical Mediterranean Maquis. In the park there are several animal species, such as badgers, foxes, polecats, and birds like great spotted woodpeckers, wood nuthatches, buzzards, sparrowhawks, peregrines, and many others. Their presence and survival are guaranteed by the vegetation and the protection given by the institutions. Travelling from the hinterland towards the coast, one can immediately enjoy the typical Marches countryside. The road that goes from the town of Camerano to the sea is characterized by pleasant sunny hills, where bushes and rows of trees mark the boundaries of roads, ditches, and properties of farmers. Wide are the vineyards, olive groves and coppice woods growing on the Northern side of the hills. PARCO DEL CONERO DESCRIPTION The Natural Park of Conero was established by regional law in 1987. From 1991 to 2006 was managed by a Consortium of the Municipalities included in the Park territory (Ancona, Camerano, Numana and Sirolo) and the Ancona Province. By Regional Law (2nd August, 2006) the Consortium turned into a Regional Body and into the Park’ Steering Committee, in addition to the representative of 4 the involved Municipalities there are also representatives from Marche Regional Authority, Environmental Associations and Agricultural Trade Associations. .The Park Authority is a Public body with legal status and managerial, administrative and accounting autonomy. The Park acts in its borderline that is delimitated by a perimeter established by the administrative decision of Regional Council n. n. 154, 02/02/2010 and n. 156, 08/02/2010. The Park main goal is to preserve and valorize the natural, historic and cultural heritage, promoting, consequently, a sustainable development of the territory inhabitants. In particular it aims to: •Apply methodologies for management and environmental restoration suitable for the anthropic, and natural integration also by preserving landscape, historic, cultural, forest, agricultural and pastoral traditional activities heritage;•Preserve animal and plants species, plants and forest associations, geological features, paleontological traces off biological communities, biotypes, natural processes, the hydrologic and ecological balance, the bio genetic heritage;•Promote learning, training and scientific research activities -also in multi-disciplinary terms- and recreational activities;•Preserve and restore hydraulic and hydro-geological balances. The Park manages the SCI IT5320005, SCI IT5320006 and SCI IT5320007Since its establishment, the Park has pursued several actions toward the habitats conservation and improvement and toward the rare species conservation and multiplication, extinct species re-introduction. Those actions have been carried out in the most important wet areas in the Park (Musone outpouring, Lago Profondo and Lago Grande of Portonovo, Valle dell’Aspio, and moats-creeks Boranico, Betelico Ente Parco Regionale del Conero Via Peschiera 30 60020 Sirolo (Ancona) Tel: 071 9331161 Fax: 071 9330376 E-mail: [email protected] Sito Web: www.parcodelconero.com Centro Visite Parco del Conero tel. 071 9331879 [email protected]

go to top

 




1.2 Centro Visite del Parco del Conero

 

Grazie all'ampio parcheggio, ad un percorso didattico all'aperto ed alla sua ampia superficie interna attrezzata, il Centro Visite risulta essere una strutture polifunzionale capace di soddisfare al meglio il primo contatto tra turisti e Parco e di favorire l'integrazione tra Parco e residenti. Presso il front office del Centro Visite vengono fornite tutte le indicazioni necessarie per scoprire il territorio del parco muovendosi liberamente lungo i sentieri escursionistici segnalati o aderendo ad una delle numerose proposte del ricco calendario di visite guidate ed attività strutturate per accontentare i gusti e le esigenze di ogni visitatore. Presso la sala didattica della struttura e l'ampio teatro all'aperto, vengono organizzati periodicamente eventi culturali, manifestazioni e attività per l'infanzia. Il Centro Visite del Parco è anche punto noleggio mountain bike e bastoncini da nordic walking Info Centro visite del Parco Via Peschiera, 30/A - 60020 Sirolo (AN) Tel. 071/9331879 - Fax 071/9331879 www.parcodelconero.com www.forestalp.it Orari: - gennaio e febbraio chiuso- dal 1 marzo al 14 giugno compresi dal martedì alla domenica (incluse festività) dalle 9.00 alle 13.00- dal 15 giugno al 14 settembre compresi dal lunedì alla domenica (incluse festività) dalle 9.00 alle 13.00 - dalle 16.00 alle 19.00- dal 16 settembre al 31 dicembre dal lunedì al sabato (escluse festività) dalle 9.00 alle 13.00 Thanks to its large car park, the outdoor didactic itinerary, and the indoor equipped halls, the Visitor Center is a multipurpose structure able to deal with the first approach between tourists and the Park and to promote integration between the Park and its residents. In the front office of the Visitor Center, visitors will receive all the necessary information to discover the Park, freely moving along its trails or joining one of the several proposals of the rich calendar of guided visits and activities organized to meet the tastes and needs of each visitor. Cultural initiatives, events, and activities for children are periodically organized in the indoor halls of the structure and in the big outdoor theater. The Park Visitor Center offers mountain bike and Nordic walking sticks rental service. The Park Visitor Center Via Peschiera, 30/A - 60020 Sirolo (AN) Tel. 071/9331879 - Fax 071/9331879 www.parcodelconero.com www.forestalp.it Opening times: - January and February closed - from 1st March to 14th June included from Tuesdays to Sundays (including holidays) 9.00 a.m. - 3.00 p.m. - from 15th June to 14th September included from Mondays to Sundays (including holidays) 9.00 a.m. - 1.00 p.m. and 4.00 p.m. - 7.00 p.m. - from 16th September to 31st December from Mondays to Saturdays (including holidays) 9.00 a.m. - 1.00 p.m.

go to top

 




1.3 Lago Profondo

 

Lago Profondo e Lago Grande di Portonovo Molto importanti, dal punto di vista ambientale, sono i laghetti di Portonovo: il Lago Profondo ed il Lago del Calcagno o Lago Grande. A pochissima distanza dal mare, in origine contenevano solo acqua salmastra. La loro formazione, avvenuta moltissimo tempo fa, è dovuta da alcuni massi caduti dal monte Conero i quali hanno sbarrato la strada ad una certa quantità d'acqua. Nel corso del tempo si è aggiunta acqua dolce proveniente dal sottosuolo. Ad oggi rappresenta un piccolo habitat particolare in cui hanno trovato posto, per quanto riguarda la fauna, la gallinella d'acqua e la folaga, mentre per la flora, la canna di palude, il falasco ed il giunco. Una vista panoramica del laghetto è nella sezione panorami. Lake Profondo of Portonovo The small lakes of Portonovo, Lake Profondo and Lake Calcagno or Lake Grande are of great environmental importance. Very close to the sea, they originally consisted only of brackish water. Their formation, a long time ago, was due to rocks falling from the Conero which blocked the passage of water. Over time, fresh water rose from underground. They represent a very peculiar habitat which hosts the moorhen and the coot among its fauna and the swamp reed, the sedge and the rush among its flora. A panoramic view is available in the “Panorami” section of the site.

go to top

 




1.3 Lago Grande

 

Lago Profondo e Lago Grande di Portonovo Molto importanti, dal punto di vista ambientale, sono i laghetti di Portonovo: il Lago Profondo ed il Lago del Calcagno o Lago Grande. A pochissima distanza dal mare, in origine contenevano solo acqua salmastra. La loro formazione, avvenuta moltissimo tempo fa, è dovuta da alcuni massi caduti dal monte Conero i quali hanno sbarrato la strada ad una certa quantità d'acqua. Nel corso del tempo si è aggiunta acqua dolce proveniente dal sottosuolo. Ad oggi rappresenta un piccolo habitat particolare in cui hanno trovato posto, per quanto riguarda la fauna, la gallinella d'acqua e la folaga, mentre per la flora, la canna di palude, il falasco ed il giunco. Una vista panoramica del laghetto è nella sezione panorami. Lake Grande of Portonovo The small lakes of Portonovo, Lake Profondo and Lake Calcagno or Lake Grande are of great environmental importance. Very close to the sea, they originally consisted only of brackish water. Their formation, a long time ago, was due to rocks falling from the Conero which blocked the passage of water. Over time, fresh water rose from underground. They represent a very peculiar habitat which hosts the moorhen and the coot among its fauna and the swamp reed, the sedge and the rush among its flora. A panoramic view is available in the “Panorami” section of the site.

go to top

 




NEWS

-February 2020+
SMTWTFS
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
1234567
  • RSS
  • Add To My MSN
  • Add To Windows Live
  • Add To My Yahoo
  • Add To Google

Statistics

  • Entries (0)
  • Comments (0)

 
Site Map | Printable View | © 2010 - 2020 TECCN | | HTML 5 | CSS